Lo Stendardo del Principato di Seborga

Nel passato, il Principato ha adottato diversi stendardi. In occasione della nomina di Diego Beltrutti di San Biagio alla carica di Principe di Seborga, questi, che già ricopriva la carica di Priore Generale dell’Ordine Sovrano dei Cavalieri Bianchi, dava incarico di predisporre un nuovo stendardo il quale mettesse maggiormente in risalto il ruolo dei Cavalieri nella storia del Principato. Ricevute alcune proposte, veniva interpellato il Capitolo affinché desse le proprie conclusioni.

Il Capitolo, all’unanimità, sceglieva la proposta che appare qui sotto e che dall’agosto 2020 è diventata lo stendardo del Principato. Esso è composto da una parte a destra – che corrisponde ai 2/3 della lunghezza dello stendardo – e da una parte a sinistra – che corrisponde a 1/3 dello stesso. Nella parte a destra si evidenziano otto fasce bianche (in ricordo sia degli otto cavalieri fondatori della Povera Milizia); il numero otto è un numero molto caro al Principe Diego, oltre ad essere caro ai fratelli Cistercensi. Le fasce bianche campeggiano su uno sfondo azzurro come il cielo delineando così nove fasce azzurre.

Sulla parte sinistra dello stendardo è presente uno scudo francese il quale racchiude al suo interno la rossa croce patente dei Cavalieri del Tempio. Lo scudo a sua volta è sovrastato dalla corona principesca.

Lo stendardo che qui sotto appare è stato adottato per il rito del giuramento di fedeltà al Principato e sarà esposto in tutte le occasioni in cui sia presente il Principe.